Scusate la franchezza

Questa è stata una settimana strana, iniziata con una notizia triste e scandita da temporali estivi che scuriscono il cielo all’improvviso per lasciarlo poi più luminoso.

Una settimana veloce, più delle altre, ma sospesa. Fatta di un tempo in attesa di capire dove andarsi a collocare.

Una settimana di gente indignata da chi non protesta senza disturbare, di discussioni su quanto la forma possa allontanarci dalla sostanza, di quanto il civismo possa essere un esercizio prima di tutto fatto di ascolto reciproco. Del perbenismo di chi ritiene che non si possa essere disturbati dalle statue degli stronzi.

Una settimana densa, di momenti piccoli e intensi tutti attaccati. Di riflessioni e stanchezza e abbracci stretti e saluti.

È una settimana che annuncia l’estate in un anno che s’è mangiato l’inverno e in cui tutto deve essere fatto con la distanza perfetta, quella giusta per non stare troppo lontani da vite diverse dalle nostre che dobbiamo imparare a comprendere, e a non stare troppo vicini, che ci si sputa addosso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.