Una sera d’estate, quest’estate.

Una sera d'estate, quest'estate, ho pianto pensando: "Oh, cazzo sono felice. Di nuovo." E non dovevo nulla a nessuno: nessun grazie, nè prego. Per la prima volta c'eravamo solo io e la vita. Lei m'aveva sfidato a crederci e ad uscire dal territorio tracciato di quello che io consideravo 'casa'. Da tutto ciò a cui …